I nerazzurri non mollano: Cagliari-Inter 1-3 con un grande Lautaro

Malgrado i supplementari di Coppa, i nerazzurri dominano i padroni di casa

Aggrappata allo scudetto con le unghie, l’Inter mantiene una micro speranza battendo il Cagliari e mantenendosi a -2 dal Milan, che aveva ipotecato il titolo piegando l’Atalanta. Visto lo svantaggio relativo allo scontro diretto, l’unica speranza è quella di sconfiggere la Sampdoria, già salva, domenica prossima. E sperare anche che, contemporaneamente, il Sassuolo superi i rossoneri al Mapei Stadium. Alla Unipol Domus, il match si conclude con 3-1 grazie alle reti di Darmian e Lykogiannis, e ai due gol del Toro scatenato Lautaro, dimostrazione di come i nerazzurri siano stati forti, scesi nel campo con l’obbligo di vincere e padroni del campo malgrado le fatiche di Coppa.

Se vuoi giocare con casinò online, visita il sito di www.slot10.info

Il primo tempo del match

Durante il primo tempo, confermato Bastoni, Darmian e Dzeko, a fianco di Lautaro. Come per la finale di Coppa, panchina per Dumfries e Correa. Gara subito scorbutica, ma i nerazzurri hanno l’arma dei piazzati, con Handanovic ed una parata a mano aperta. Ci prova poi Lautaro con un colpo di testa che però esce di poco. L’Inter passa poi al tentativo della giocata da esterno a esterno. Perisic pennella un gran cross sul quale Darmian salta un metro più di Lykogiannis e di testa non sbaglia. Il Cagliari fatica a reagire, con Darmian e poi Bastoni ancora pericolosi. Bravi i nerazzurri ad abbassare i ritmi e girare palla, alla ricerca del giusto varco. Come succede al ’36, con l’imbucata geniale di Darmian per Lautaro, il cui sinistro è murato da Ceppitelli. 1-0 che non digeriscono gli ospiti, che chiudono anche col 65% di possesso palla e non hanno certo nella gestione del vantaggio il pezzo forte della casa. Qui puoi leggere alcuni consigli per visitare Roma durante l’estate. 

Secondo tempo del match

Si ricomincia senza sostituzioni; l’Inter col solito giro palla per poi piazzare il morso letale. Al 51′ Barella lancia lungo per Lautaro, bravissimo a scattare sul filo del fuorigioco; Il match si riavvia tutto con Nandez a rilevare Rog e Pavoletti. Il tecnico risponde con Dumfries e Gagliardini per l’ammonito Darmian e Barella, l’ex che esce tra tanti fischi ma pure tra tanti applausi. Disposti con il 4-4-2 Dalbert e Nandez esterni, i padroni di casa aumentano la pressione: il più provato sembra Dzeko; al ’70, il tecnico richiama Edin per Correa. Stessa cosa per Bastoni con D’Ambrosio. Il Cagliari compie l’unica azione quasi alla fine con De Vrij a bordo campo; Carboni e Baselli rappresentano le ultime cartucce di Agostini; all’84’ però i  nerazzurri si riattivano micidiali, con il grande lancio di Brozovic, Gagliardini controlla il pallone e serve a sinistra Lautaro, freddissimo nel superare Cragno; Dumfries nel recupero centra il terzo palo di serata e i nerazzurri non mollano.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.