Un saluto a Shaq, leggenda mondiale del basket da 50 anni, icona per tifosi e avversari

La storia di un guru assoluto dell’intrattenimento che ha rappresentato l’essenza di una superstar NBA per 19 anni e continua a farlo a modo suo, anche se si allontana dal basket

Unico in campo, maestro assoluto dell’intrattenimento, rappresenta da 19 anni l’essenza della superstar NBA e continua a farlo a modo suo, anche se si allontana dal basket.

Intorno a lui, centinaia di storie e leggende, alcune reali e altre meno, hanno battuto record e momenti iconici, hanno ribaltato la narrativa del gioco e ridefinito il concetto di “grandi uomini”. C’è un “prima” e un “dopo” Shaquille O’Neal nel basket NBA, questo è certo.

Un vero punto di svolta, non solo retorica, che vince molto, forse meno di quanto può, e non segue mai il flusso. Nella migliore delle ipotesi, guida.

Lakers

Los Angeles Lakers erano in vantaggio 83-79 e li hanno visti avanzare alle finali con tale chiarezza per la prima volta.

I Blazers sono stati finora un avversario tosto, con un roster pieno di talento e meravigliosa anarchia. La fine di questa lunga e complicata serie era a breve distanza, ma serviva comunque un canestro per concludere Gara 7.

E poi ci sono le finali. Prima possibilità di vincere il Purple and Gold dal 1991. Bryant ha dribblato davanti a Scottie Pippen e, dopo aver passato la palla a pochi metri nel mezzo, è tornato indietro nel tempo mentre lo Staples Center era un micidiale mix di dolore ed eccitazione.

Bryant ha battuto il suo avversario dal palleggio e, quando era a filo con la linea di tiro libero, ha letto come al solito davanti alla difesa dei Blazers. Scendi in campo anche tu gioca in https://www.uniquecasino.eu/ .

Dominance

Shaquille O’Neal è il centro più dominante della sua generazione ed è stato per almeno un decennio di fila, e per un uomo della sua taglia, nel ritmo frenetico del basket NBA, non lo è.

Dalla sua stagione da rookie di successo con gli Orlando Magic, dove è stato persino selezionato come titolare nell’All-Star Game (l’ultimo gioco All-Star è stato Michael Jordan nel 1985), Shaq non ha mai guardato indietro, ogni stagione è andata avanti.

Certo, come giocatore, ma soprattutto come leader in campo. Si fermava, segnava da tutte le parti, correva avanti e indietro come un matto e soprattutto fracassava il tabellone in mille pezzi, senza mostrare rimorsi per i suoi avversari, spesso umiliati dalla sua eccessiva forza fisica.

Senza vergogna alla ricerca di un campionato NBA.

Big Man

Quando si parla di Shaquille O’Neal, spesso ci si concentra su due concetti legati dalla spesso inevitabile (e insopportabile) retorica del “what if”.

Il primo è il suo predominio sui pavimenti in parquet, indiscutibile e ineguagliabile, e il secondo è la sua pigrizia e tratti pigri e velenosi che potrebbero avergli rimosso alcuni potenziali anelli dalle dita. Hai dei problemi con la tua cucina, lavatrice frigorifero. Clicca qui

Che aspetto avrebbe Shaq se fosse rimasto in forma mentre cresceva? E se avesse davvero lavorato duramente sui tiri liberi? E se non fosse mai soddisfatto, come il suo amico Kobe o Michael Jordan? Perché Shaquille O’Neal, nel contesto del suo ruolo particolare, era in quel gruppo di giocatori lì.

Con lui in campo, iniziamo sempre come il più caldo, il miglior centro della sua generazione, il ragazzo di cui devono preoccuparsi i suoi diretti avversari, e viceversa.

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.